VITA A VENEZIA – Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessun’altra

photo 4 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

L’ultima volta che andai a Venezia era il 1999 o giù di li. C’erano ancora le lire, e per andare a Venezia ce ne volevano molte. Stazione, vaporetto, San Marco, Biennale, tanta gente, troppa gente, acqua sporca, molto sporca.

Dov’era la magia delle giornate estive con mio padre quando ero bambina, o semplicemente quella tanto decantata in tutto il mondo?

Mi aveva fatto proprio una brutta impressione, Venezia, nel 1999 o giù di li.

Non ci sono più tornata, e ogni volta che qualcuno la nominava, storcevo il naso.

Di recente ho deciso di vincere i miei pregiudizi e, complice un’offerta su booking.com, sempre storcendo un po’ il naso mi sono aggiudicata una camera a pochi passi da San Marco per una cifra davvero irrisoria.

Vuoi per il periodo poco turistico, per la scelta dei giorni che cadeva fuori dal week-end, per la nebbia che avvolgeva tutto, per l’aver evitato accuratamente le zone di flusso turistico obbligato, mi sono trovata in una città completamente diversa da quella che ricordavo, un posto fuori dal tempo e fuori dal mondo, soprattutto dal mio mondo: milanese, nevrotico e frenetico.

photo 2 copia 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra                                                   photo 3 copia 320x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

Con “soli” 25 euro si acquista un biglietto con validità quarantotto ore sulla rete di trasporti pubblici cittadini che per Venezia significa solo una cosa: vaporetti.

Alcune linee viaggiano anche fino a notte inoltrata, ma non ne avrete bisogno perché sostanzialmente non c’è un granché da fare la sera. Potete andare a fare un aperitivo e perdervi in giro a bacari, le tipiche osterie dove con un euro o poco più si beve un bicchiere di vino accompagnandolo con caratteristiche tartine o polpette chiamate semplicemente “cicchetti”.  Consiglio l’Ostaria al Ponte che offre cicchetti di sushi alla veneziana, ossia delle fettone di pesce marinato caricato su una sostanziosa fetta di pane fresco, un po’ più caro della media ma con materie prime freschissime e di qualità.

Da segnalare senza dubbio anche l’ostaria “Alla Vedova” dove, oltre ad avere le polpette di carne più buone mai assaggiate in vita, offrono ottimi primi e secondi piatti di pesce a prezzi onesti. Da provare le “schie” (gamberetti di laguna molto saporiti) con la polenta bianca.

unnamed1 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

                  photo 3 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

Passeggiare all’imbrunire nel freddo invernale per Fondamente Nove fino alla Celestia e all’Arsenale e addentrarsi nella calma delle calli che si slargano in piazze residenziali e deserte, oppure per le Fondamenta della Misericordia inoltrandosi nel ghetto ebraico, con le sue pasticcerie e panetterie kosher dai profumi invitanti, ha un fascino completamente diverso rispetto alla visita “ufficiale” della città e ti permette di vedere la reale bellezza e la particolarità di un posto la sui vita si svolge completamente sull’acqua.

Dal trasporto dei materiali edili a quello dei generi alimentari, fino al trasporto ospedaliero e alle ambulanze, i soli mezzi che girano sono barche, ed è stupefacente vedere come tutto funzioni in un brulicare di carichi e scarichi. Passeggiare ti permette inoltre di scoprire posti che sembrano usciti da qualche film francese stile Favoloso mondo di Amelie, come Acqua Alta, una libreria bizzarra e originale che su internet è stata definita la libreria più bella del mondo”. I  libri in vendita, nuovi e usati, non sono sistemati ordinatamente, ma accatastati all’interno di barche, canoe, gondole e vasche da bagno.

photo 412x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

              photo 2 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

          photo copia 428x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

Meritano sicuramente una visita Burano e Torcello, una vivace e coloratissima, l’altra straordinariamente selvaggia e colonizzata da pochissime case, da una cattedrale in stile veneto-bizantino, e da un sacco di gatti grassi.

Particolarmente suggestivo lo spettacolo regalato dal freddo, la nebbia che saliva dall’acqua lasciando emergere le varie isole e costruzioni in mezzo alla laguna man mano che ci si avvicinava con le imbarcazioni, dando la sensazione di essere sospesi nel tempo e nello spazio.

photo 1 1 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra           photo 1 copia 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

 Ora non storco più il naso, e contenta come sempre quando mi è data la possibilità di tornare sulle mie idee e rivedere i miei giudizi, aspetto con ansia la bella stagione per tornare nuovamente ad assaporare la città sotto una luce ancora diversa.

photo 1 400x400 VITA A VENEZIA   Alla scoperta del lato più autentico di una città uguale a nessunaltra

Share on:
CERCA