PROGETTO CIBO – La forma del gusto

10a Marti Guixe I cakes 2001 PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Marti Guixe I-cakes, 2001

Inaugurata da pochi giorni, e in mostra fino al 2 giugno, al MART di Rovereto:  “Progetto Cibo. La forma del gusto”.

Gli ultimi anni hanno visto una vera e propria esplosione dei dibattiti intorno al cibo che ha raggiunto livelli inediti di coinvolgimento del pubblico da molteplici fronti. Il design apre gli occhi al mondo dell’alimentazione, alle sue forme naturali e originali, mostrando come creatività, curiosità e capacità innovativa possano essere protagoniste di progetti nati dalla medesima materia.

14  Delphine Huguet speculoos PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Delphine Huguet – speculoos

Le creazioni dei “food designers” illustrano un ricercato percorso espositivo, a cura di Beppe Finessi, articolato e colorato, ricco di humor ed elementi anomali. Enrico Azzimonti, Bompas&Parr, Stephan Bureaux, Achille Castiglioni, Lorenzo Damiani, Florence Doleac, FormaFantasma, Giorgetto Giugiaro, Martí Guixé, Giulio Iacchetti, Enzo Mari, Alessandro Mendini, Katja Grujters, Konstantin Grcic, Gaetano Pesce, Diego Ramos, Mario Trimarchi, Marije Vogelzang, Marcel Wanders, e chef di livello assoluto come Gualtiero Marchesi, Bruno Barbieri, Massimo Bottura, Antonio Cannavacciuolo, Carlo Cracco, Daniel Facen, Davide Oldani, Davide Scabin.

16 Polar Ice atsuhiro hayashi PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Polar Ice atsuhiro hayashi

Lo spazio è stato suddiviso per aree tematiche, si apre con un omaggio al libretto “Good Design” pubblicato da Bruno Munari cinquant’anni fa nel quale il grande maestro insegnava a leggere i prodotti della natura, come ad esempio l’arancia, come fossero oggetti di design, sottolineandone, con ironia e rigore, le caratteristiche “funzionali e prestazionali”.

1a goodDesign PROGETTO CIBO   La forma del gusto

31 James King 2006 Dressing the Meat of Tomoorow 03 PROGETTO CIBO   La forma del gusto

James-King-2006-Dressing-the-Meat-of-Tomoorow

Partendo proprio da questa lezione saranno raccontati alcuni “cibi anonimi” attraverso apposite interpretazioni grafiche, per mostrarne le forme tradizionali, nella loro sofisticata e precisa costruzione architettonica: perché dietro a pietanze molto connotate geograficamente come il Sushi o lo Strudel, così come la Lasagna, l’Arancino o l’Oliva ascolana, si celano strutture progettuali frutto di un accorto compromesso tra immagine, gusto e produzione.

32 Uli Westphal Mutatoes 02 PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Uli_Westphal-Mutatoes

Un alimento così basilare e onnipresente come il Pane sarà presentato in una teoria di forme differenti, esposte come vere e proprie sculture per valorizzarne la loro “bontà” estetica.

4  ECAL Bread workshop PROGETTO CIBO   La forma del gusto

ECAL-Bread workshop

Vari tipi di pasta racconteranno emblematicamente di come la creatività dei designer converga con la produzione industriale: è questo uno dei temi chiave della mostra, che ha “rivoluzionato il rapporto tra forma e contenuto del cibo”. Una felicità di sintesi che è anche alla base del successo di prodotti commerciali come i cioccolati Bacio Perugina e Ferrero Rocher, il biscotto Krumiro e la patatina Saratoga Chips che hanno rappresentato le migliori strategie di marketing.

30 Dominic Wilcox Genetically modified egg PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Dominic Wilcox – Genetically modified egg

I “food designer” hanno oggi una libertà infinita di modulare forma e funzione: oggetti come la “Penna edibile” di Martí Guixè, il “Golosimetro” di cioccolato di Paolo Ulian e lo “Sugar Spoon” di Marije Vogelzang.

2 brevetto cono gelato PROGETTO CIBO   La forma del gusto

brevetto cono gelato

Una sezione della mostra racconta alcune particolari ricette, create da chi per mestiere elabora cibi particolarmente sofisticati come alcuni grandi chef nazionali e internazionali, ma anche da chi normalmente applica la propria sensibilità e creatività in altri ambiti, come un significativo gruppo di designer invitati recentemente a esprimersi proponendo una vera e propria ricetta di cucina.

11 Paolo Ulian 2002 Golosimetro PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Paolo Ulian – 2002, Golosimetro

Infine un progetto site-specific sarà realizzato per il Mart da Martí Guixé, geniale illustratore che ha applicato il proprio talento al mondo del cibo, mostrando ulteriori possibilità espressive e di indagine intorno a questo ambito così fondamentale per la vita delle persone.
Il percorso espositivo si conclude con una puntuale ricognizione sul futuro del cibo, tra personalità brillanti e spesso giovanissime che per la prima volta nelle sale di un museo, presentano creazioni non solo sperimentali e sofisticate, ma anche profondamente segnate da una forte tensione etica e sociale.

15 la nave affonda enrico azzimonti PROGETTO CIBO   La forma del gusto

la-nave-affonda, enrico azzimonti

Oltre alla forma anche il gusto! Un ricco programma di eventi coinvolge chef di livello internazionale, che realizzeranno delle serate di show-cooking, workshop con i designer, produttori di prodotti alimentari locali offriranno assaggi.

24  Achille Castiglioni cappello in feltro PROGETTO CIBO   La forma del gusto

Achille Castiglioni, cappello in feltro

Share on:
CERCA