PIXAR IN MOSTRA AL PAC DI MILANO – 25 anni di emozioni in computer grafica

lamp 290x290 PIXAR  IN MOSTRA AL PAC DI MILANO   25 anni di emozioni in computer grafica

Se ripenso agli ultimi anni, sono troppi i film che mi hanno deluso e che non hanno soddisfatto le mie aspettative. Sempre più spesso ormai opere che partono con i migliori presupposti, si rivelano dei prodotti banali e non curati a dovere. E’ inutile, il cinema, quello vero, è sempre più raro.
Se ripenso agli ultimi anni però, in mezzo a tutta questa mediocrità, trovo anche un piccolo grande miracolo dei giorni nostri. Un miracolo che dura da ormai da 25 anni, e che riesce di giorno in giorno ad emozionare e a far sognare milioni di persone, grandi e piccini. Una meravigliosa eccezione insomma, una luce (facendo riferimento alla lampadina, simbolo di questa azienda) che si contraddistingue da tutto il buio creativo di questi ultimi anni.

Mostra Pixar MIlano Ratatuille HOME PIXAR  IN MOSTRA AL PAC DI MILANO   25 anni di emozioni in computer grafica
Sto parlando della Pixar Animation Studios, casa cinematografica specializzata in “computer generate imagery”.
E’ da 25 anni che Pixar c’è, anche se è solamente nel 1995 che la casa cinematografica sviluppa “Toy Story-il mondo dei giocattoli” il primo lungometraggio della storia interamente realizzato e sviluppato in computer grafica. E da quel momento, Pixar non si è più fermata, regalando al pubblico altri lungometraggi sempre di altissimo livello(basti pensare che nel 2010 è uscito “Toy Story 3-la grande fuga” da molti considerato migliore dei primi due episodi della saga).
Come non menzionare (con un sorriso stampato in volto e degli occhi sognanti) l’emozionante avventura di Marlin alla ricerca di suo figlio, il pesciolino Nemo? Oppure il simpatico topo Remi, con il grandissimo sogno di diventare un rinomato chef di un ristorante parigino? O Wall-e, un poetico film con protagonista un dolcissimo robot. O il mio preferito in assoluto, il commovente “Up”, capace di regalare tante risate quante lacrime e riflessioni.
Proprio così, perché questi, come anche gli altri lungometraggi non citati (e tutti i meravigliosi cortometraggi), hanno il grandissimo potere di lasciarti qualcosa. Questa è la grande magia Pixar, quella di riuscire a confezionare prodotti che portano l’animazione ad un livello mai toccato prima, riuscendo a trovare un perfetto connubio tra il suono e l’immagine, il coinvolgimento emotivo e la capacità di raccontare storie  riuscendo a mettere d’accordo tutti quanti: i bambini infatti si divertiranno e cresceranno in compagnia dei bei messaggi che Pixar offre. I grandi, bè, per un’ora e mezza torneranno fanciulli, probabilmente si divertiranno più dei propri figli, e perchè no, rifletteranno pure sui temi mai affrontati in modo banale.

Insomma 25 anni di emozioni in computer grafica, che Pixar ha deciso di festeggiare con una mostra al PAC di Milano che parte domani 23 novembre, e che durerà fino al 14.02.2012.
Disegni, dipinti, sculture e installazioni ripercorrono l’avventura di questo studio statunitense fondato da Steve Jobs (grandissimo genio venuto a mancare quest’ultimo 5 ottobre) e successivamente acquisito da Walt Disney Company. Sono oltre 500 le opere che mostrano la fantastica capacità di registi e illustratori nel combinare le tecniche di animazione classiche alle più sofisticate tecnologie digitali.

 

pixar 1 PIXAR  IN MOSTRA AL PAC DI MILANO   25 anni di emozioni in computer grafica

Per inaugurare questa mostra inoltre, al teatro dal Verme  si è svolto ieri sera un interessante incontro con John Lasseter, direttore creativo Pixar e Walt Disney Studios, nonché regista di alcuni dei capolavori della casa cinematografica.
Presentatosi con una delle sue camicie dal dubbio gusto che richiamano i personaggi dei suoi film, Lasseter ha intrattenuto un teatro da tutto esaurito ( si poteva assistere all’evento pure in streaming su alcuni siti specializzati), parlando della storia della sua vita, di come è nata Pixar, degli inizi, dei primi successi e degli sviluppi successivi.
E’ entrato inoltre più nello specifico spiegando ad esempio come sono nati alcuni storici personaggi pixar ( come Woody, Buzz Lightyear, o Edna Mode), o come la realtà ha ispirato le varie ambientazioni dei vari film come “Ratatouille” o “Monsters&Co”.
La passione, è questo ciò che più mi ha emozionato di questo incontro. La passione che Lasseter infatti mette in ciò che fa si percepisce, si sente. E per quanto mi riguarda, ispira.

Inutile nascondere l’emozione che provo ogni volta che esce un film Pixar. Inutile nascondere le risate, le lacrime, le riflessioni, l’innocenza di un bimbo che per un paio di ore torna quando guardo una loro opera. Inutile nascondere il fatto che non vedo davvero l’ora di vedere questa mostra.

Per ulteriori informazioni sulla mostra: http://www.mostrapixarmilano.itf372 rat 1703710 0x410 604x400 PIXAR  IN MOSTRA AL PAC DI MILANO   25 anni di emozioni in computer graficaat1 640x290 PIXAR  IN MOSTRA AL PAC DI MILANO   25 anni di emozioni in computer grafica

 

riposo pixaranim PIXAR  IN MOSTRA AL PAC DI MILANO   25 anni di emozioni in computer grafica

 

 

Share on:
CERCA