GUERRILLA SPAM

SHIT ART FAIR fiera internazionale di arte di merda contemporanea

Quest’anno la merda va un casino! Le tendenze contemporanee presentano ad Artissima un focus sull’escremento numero uno primo prodotto umano mai uguale a se stesso.
Guerrilla SPAM  torna per il secondo anno a Torino per SHIT ART FAIR la fiera internazionale di arte di merda contemporanea. E tutto questo non poteva non colpire la mia attenzione.
Ma chi sono gli SPAM? Fiorentini, e questa è già una garanzia perchè si sa che i toscani l’ironia ce l’hanno nel sangue e forse anche un po’ più in basso (!), nascono come spontanea azione illegale di attacchinaggio negli spazi urbani nel 2010 ma senza un nome e un intento definito. Successivamente dal riscontro con il pubblico si forma il gruppo: Guerrilla SPAM.
Dal 2011 si susseguono numerosi lavori in strada in tutta Italia e all’estero, che mantengono un forte interesse per le tematiche sociali e per il rapporto tra individuo e spazio pubblico, prediligendo l’azione urbana illegale all’evento più ufficiale e autorizzato.
Questo il loro manifesto:
1. Nasce per contrastare il potere massiccio della comunicazione mediatica di disinformazione.

2. Agisce in modo diretto nelle strade, nei muri, in modo non invasivo, rispettando lo spazio urbano come luogo di tutti.
 
3. Agisce in modo anonimo, libero e autonomo e il suo unico scopo è comunicare con le persone, riappropriandole della loro libertà di pensiero e di espressione.
7 mesi di preparativi
140 metri quadrati di carta incollata
23 artisti della scena italiana
42 persone nel tunnel del Parco del Valentino
1 ora di lavoro
1 esposizione non autorizzata
0 curatori, critici, organizzatori
0 compensi
0 euro di guadagno da tutto ciò
questo è SHIT ART FAIR.
Sarebbe abbastanza per smontare l’apparato di mercificazione che aleggia su eventi fieristici standardizzati che prevedono un biglietto d’ingresso per uno “spettacolo” da supermercato spesso considerato esclusivamente  dalla quantità di foto e selfie condivise sulle piattaforme social.

il divoratore siena 2014 e1416567089980 GUERRILLA SPAM

La merda è sempre stata un veicolo di contestazione artistica. Perché oggi ritorna prepotentemente ad Artissima? Quasi tutto quello che viene normalmente esposto nelle fiere d’arte contemporanee è merda di finissima qualità. Merda che tuttavia cela la sua natura, proclamandosi opera d’arte, feticcio sul piedistallo da adorare e comprare. È quindi merda che finge di non esserlo. Noi abbiamo creato “Shit Art Fair”, fiera dell’arte di merda, una fiera che già dal titolo ammette la sua natura, senza trucchi o finzioni. Non abbiamo la pretesa di stabilire che quello che abbiamo creato sia “arte”. Lasciamo al pubblico il ruolo di definire ciò che facciamo, mettendolo sul piedistallo o cagandoci sopra (ruolo che solitamente è occupato in modo spregiudicato e invadente dai critici).

10346189 727160464029911 6365770260363125784 n e1416564499221 GUERRILLA SPAM

10734263 727602457319045 2510532156122352369 n e1416564514923 GUERRILLA SPAM

Chi siete e che fate. Siamo un gruppo indefinito di persone che lavora nelle strade e negli spazi urbani, contaminandoli con messaggi e provocazioni. Il nostro lavoro tenta di stabilire un contatto diretto e paritario con il pubblico, eliminando figure intermediarie come critici e curatori. Siamo i curatori di noi stessi. I disegni che attacchiamo in strada sono un’imposizione verso il pubblico, è vero, ma il pubblico può agire su di loro apprezzandoli, strappandoli o ignorandoli. Prediligiamo le azioni illegali in strada agli eventi ufficiali e organizzati, lavoriamo sempre in questo modo, cercando di produrre qualcosa di concreto per le persone comuni che abitano la città.


Lo scenario della urban art in Italia. Possibili scenari futuri o meglio lontano da qui? L’arte urbana oggi è diventata un fenomeno pop-underground. Ragazzini qualunque con cappellini di Obey, la cinese in visita a Firenze con la t-shirt di Banksy. Tutto è stato inglobato e riadattato per il mercato, anche i graffiti di Futura 2000, quasi subito buttati su tela, poi stampati sulle etichette del Cognac. In Italia, come ovunque, si fanno le mostre e i festival di street art, e si continuerà a farli, perché hanno il coinvolgimento della festa paesana e la pretesa dell’evento alternativo. E vanno bene così; tra la tanta marmaglia si vedono sempre artisti in gamba e opere belle.

La tendenza a fare cose più spontanee e non autorizzate si è un po’ persa da quando negli anni Duemila, la “street art” è diventata un fenomeno di massa e di moda, e tutti si sono ritrovati all’interno di uno scenario più istituzionale senza troppo accorgersene, invitati a partecipare a eventi e festival essendo pure retribuiti per il proprio lavoro. Perché dire di no? Infatti. Tuttavia oggi, consapevoli di ciò, si può scegliere parallelamente di mantenere un’attitudine più discostata dalla street art patinata che i blog promuovono e che i giornali mettono in copertina. Bisogna smetterla di ragionare su dibattiti obsoleti come “street art versus galleria” vecchi di dieci anni. Invece di criticare un sistema, crearne altri possibili. C’è bisogno di parlare ma soprattutto di agire, e il modo migliore di agire è tornare in strada a produrre cose, seppur grezze, ma almeno spontanee.

il trionfo dellapparenza s.michele in teverina 2014 e1416564258352 GUERRILLA SPAM

Qualche nome da seguire. Troppi. C’è tanta gente molto brava nella scena dell’arte urbana attuale. Facciamo però due nomi, uno famosissimo uno poco conosciuto. “Blu”, un nome scontato, ovvio, tuttavia per noi il “King” della street art. Il migliore in quanto a tematica, stile, soggetti, attitudine e approccio alla strada. Lui se ne frega delle sfumaturine “leccate” alla “Aryz”, con un muro grezzo vale dieci murate di altri artisti. Poi un ragazzo che sta iniziando adesso a fare le prime cose, “Frenulo” in giro vedrete alcuni suoi poster, qualche muro, ma online ancora niente; per adesso non gli interessa la pubblicità mediatica e i “like” su Facebook, sta lavorando in strada,  questo gli basta.

parabola del tumorespam hogre roma 2014 1 e1416564286323 GUERRILLA SPAM

Da che tempo è tempo le convenzioni mass mediatiche hanno sempre fatto incazzare gli artisti ma alla fine sono state spesso lo spunto per i pezzi migliori. Oggi con chi ce l’avete? Il nostro lavoro di guerriglia urbana è nato, e continua in parte ad essere, un lavoro “contro”, un lavoro predisposto a criticare e denunciare determinate cose. Abbiamo iniziato le nostre invettive contro il mezzo televisivo (denuncia superficiale che tutti hanno fatto, ma che crediamo, nonostante ciò, continui ad essere attuale in un paese dove il dopo-lavoro consiste nel decomporsi sul divano di fronte ad uno schermo), e tutt’ora lavoriamo “contro” svariate tematiche e luoghi comuni. Questo crediamo sia un nostro difetto: lavorare “contro” e non a favore di qualcosa. Spesso demoliamo e denunciamo delle realtà senza costruirne delle altre, ma crediamo tuttavia che se sentiamo la necessità di criticare un sistema, allora è opportuno farlo, anche senza possedere soluzioni alternative. Il nostro obbiettivo comunque rimane quello di arrivare un giorno a produrre un lavoro che crei qualcosa di concreto per le persone, che produca opportunità e non solo distrugga concezioni esistenti che rifiutiamo. In fin dei conti attaccare poster nella nostra situazione è un gioco borghese di nicchia molto privilegiato e facile; è simile a una masturbazione. Andiamo in giro, attacchiniamo sui muri quattro messaggi che saranno comunque letti, capiti, fotografati, probabilmente solo da persone del nostro stesso status sociale, con simili interessi e idee, e poi e andiamo a dormire. Non rischiamo molto, tutto al più una denuncia, una multa da pagare. Questo non va bene, non cambiamo concretamente nulla nelle persone. Dovremmo rischiare molto di più.

In definitiva oggi siamo “contro” a molte cose, abbiamo le idee chiare e continuiamo a lavorare in strada, perché indipendentemente da tutto, abbiamo capito che questo è il luogo giusto dove stare. Siamo consapevoli di quel che produciamo di positivo ma anche dell’immobilismo critico nel quale siamo immersi. Questo è importante, essere sempre consapevoli di ciò che si è.

Domanda di rito: che modalità avete in testa? Una modalità proiettata all’esterno, diretta alla strada come spazio urbano da invadere e contaminare.

1510857 728615063884451 5988906990894803404 n e1416564228381 GUERRILLA SPAM

Werter Con

10440747 728226837256607 4000812416760143714 n e1416564348341 GUERRILLA SPAM

UNO

10363967 728594347219856 4236045011691058872 n e1416564403817 GUERRILLA SPAM

Venticinque Zerouno

10407819 728728690539755 9189840624971607058 n e1416564206509 GUERRILLA SPAM

Guerrilla Spam

Share on:
  • anonymous

    Chi ha stabilito che la street art è solo contestazione sociale o politica? Questo pseudo movimento che crede di fare arte di contestazione per il solo fatto che va in giro attacchicciando fogli, e intervenendo in spazi per così dire proibiti – non è altro che il risultato deviato di una società di borghesucci che si sono fatti pagare bombolette, manifesti e scuole dai genitori. Non a caso sono azioni flebili, un movimento incoerente; che prima contesta le gallerie e poi ci espone, prima contesta il conformismo e i problemi delle multinazionali ma sono essi stessi l’emblema di ciò. Attrezzati con i loro bei Mac, i vestiti buoni, il libro e la mostra finanziati dai genitori, le recensioni fatte dagli amici di un certo ambiente. Signori, ma state scherzando? Potrei continuare e scendere in dettagli che metterebbero alla luce cose veramente pietose, come pietosa è la bruttezza di questi sticker; una volta la bellezza serviva anche a somministrare messaggi in un modo più alto, intelligente e “artistico”- dove mancava la bellezza c’era il colpo di genio che emozionava e diventava icona di contestazione; ma qui prevalgono solo cose fatte a caso e brutte! Siate onesti e ammettete che SPAM è solo la cronaca di voi stessi, movimento impersonale, fiacco, senza arte ne parte che rispecchia a pieno il benessere di certi figli di papà senza quel genio artistico che non si può comprare o promuovere grazie ai favori di qualche simpatizzante. L’arte non è questa, la contestazione oggi non è questa – la bieca emulazione di Banksy non ha senso! Questo modo di comunicare è svanito da più di 5 anni, forse 10! È un’autoreferenza che mai segnerà la storia per fortuna.

CERCA