IL CAPITALE UMANO – Il cinismo del nuovo film di Virzì

il capitale umano cover vcd front e1404292936885 IL CAPITALE UMANO   Il cinismo del nuovo film di Virzì

Devo ammetterlo me la immaginavo così la vita in Brianza. Con le BMW e i SUV, i piumini Moncler e le villette che nascondono lo squallore familiare di chi pensa di essere arrivato, di avere tutto solo per scaltrezza, furbizia perchè si sa i soldi chiamano i soldi.

foto il capitale umano 26 low e1404292869444 IL CAPITALE UMANO   Il cinismo del nuovo film di Virzì

Poi c’è la famiglia dal falso perbenismo, quelli che vogliono aspirare ad avere perchè non hanno nulla che macerie nascoste sotto ai tappeti e desiderano “più parabole sul tetto che San Marco nel Vangelo” come recitavano i Frankie Hi Nrg. Quelli sono i peggiori, falsi, ridicoli, ipocriti, poveri dentro e pronti a calpestare il prossimo chiunque sia.

4 capitoli che mostrano 3 diversi punti di vista e un ultimo in cui succede qualcosa di totalmente inaspettato che ti scuote pericolosamente dal tintinnio del dio denaro e ti conduce a giocare una partita su un campo pubblico, democratico dove sei svestito e senza ruolo e la domanda è: cosa resta di questo individuo?

fabrizio bentivoglio e fabrizio gifuni giocano a tennis e1404292972878 IL CAPITALE UMANO   Il cinismo del nuovo film di Virzì

Questo è il Capitale Umano che in ambito assicurativo-finanziario è il valore monetario di un individuo in base a parametri come aspettativa di vita, qualità e quantità delle relazioni, eventuale reddito, è il titolo dell’ultima pellicola di Paolo Virzì che abbandona i toni noir da commedia mediterranea per analizzare il complesso rapporto tra le categorie sociali, il potere del profitto e le relazioni umane che tanto mi riporta alla mente il capolavoro di Sam Mendes “American Beauty”. Non si scherza più, il gelo ci ha avvolto e anche l’ironia ha perso la sua valenza.

Bellissima l’interpretazione di Fabrizio Bentivoglio che rinnega la dignità e ricopre i panni del raggirato ed ignorante Dino Ossola, giovane ed energica, anche se forse po’ troppo da fiction, Matilde Gioli nel ruolo della figlia Serena che resiste a mantenere il segreto, una poco convincente Valeria Golino. Nel cast Fabrizio Gifuni, Luigi Lo Cascio, Valeria Bruni Tedeschi. 

Aldilà del piacere o meno questo è un film che mi ha lasciato un vuoto, una riflessione profonda su ciò che conta, è una visione lucida dell’ossessione per il possesso, la brama di potere e i soldi, i soldi, i soldi … E infine la solitudine data dalle cose, dai pezzi di carta che ci portano avanti e scelgono per noi spesso come condurre la nostra vita ma non colmano che vane aspettative, desideri da fast food. Se sei rimasto indifferente chiediti perchè, forse è già troppo tardi.

CERCA