VILLAGGIO CRESPI D’ADDA

Una città industriale del 1800 patrimonio dell'UNESCO

A volte basta girare l’angolo per scoprire che a pochi km da Milano esiste un luogo nominato patrimonio dell’Unesco: il villaggio operaio di Crespi d’Adda, un esempio eccezionale di città industriale, perfettamente conservata dal 1800.

DSC 0004 e1492781771694 VILLAGGIO CRESPI DADDA

Il villaggio operaio di Crespi d’Adda è stato fondato, intorno allo stabilimento che ospitò, in origine, il Cotonificio Benigno Crespi, da Cristoforo Benigno Crespi nel 1878 e venne completato, dal figlio di quest’ultimo Silvio Benigno, verso la fine degli anni Trenta del Novecento. È collocato in prossimità del fiume Adda, proprio sul confine tra le provincie di Milano e Bergamo, nella quale è incluso, facendo parte del Comune di Capriate San Gervasio.

DSC 0019 e1492782093512 VILLAGGIO CRESPI DADDA

Un vero e proprio paese, un “Villaggio ideale del lavoro”, composto, oltre che dalla fabbrica e dalle abitazioni, anche da strutture sociali e, un tempo, a uso pubblico, come il lavatoio, il dopolavoro, l’albergo, il piccolo ospedale, la scuola, il teatro, la chiesa, i bagni pubblici con piscina, il cimitero.

DSC 0053 e1492781996708 VILLAGGIO CRESPI DADDA

Era questa l’epoca dei grandi capitani d’industria illuminati, al tempo stesso padroni e filantropi, ispirati a una dottrina sociale che li vedeva impegnati a tutelare la vita dei propri operai dentro e fuori la fabbrica, colmando in tal modo i ritardi della legislazione sociale dello Stato stesso. L’idea era di dare a tutti i dipendenti una villetta, con orto e giardino, che a seconda del livello professionale poteva raggiungere dimensioni e fregi notevoli!

DSC 0039 e1492782021643 VILLAGGIO CRESPI DADDA

DSC 0045 e1492782049847 VILLAGGIO CRESPI DADDA

In questo piccolo mondo perfetto il padrone regnava dal suo castello e provvedeva come un padre a tutti i bisogni dei dipendenti: dentro e fuori la fabbrica e “dalla culla alla tomba”, nel Villaggio potevano abitare solo ed esclusivamente coloro che assunti dall’opificio, e la vita di tutti i singoli e della comunità intera ruotava attorno alla fabbrica stessa, ai suoi ritmi e alle sue esigenze questo creava un rapporto talmente stretto che nessuno usciva più dalla propria situazione perchè totalmente coinvolto sia nel lavoro che nel privato.

DSC 0024 e1492781875940 VILLAGGIO CRESPI DADDA

“Tutto ebbe inizio quando due capitani d’industria illuminati – Cristoforo Benigno Crespi e il figlio Silvio Benigno – vollero costruire sulle rive dell’Adda un villaggio ideale del lavoro, un piccolo feudo dove il castello del padrone fosse simbolo sia dell’autorità sia della benevolenza, verso gli operai e le loro famiglie.”

Il Villaggio di Crespi d’Adda è certamente la più importante testimonianza in Italia del fenomeno dei villaggi operai, un autentico modello di città ideale e una delle poche ad essere stata realizzata veramente che si è conservata perfettamente integra mantenendo intatto il suo aspetto urbanistico e architettonico.

DSC 0005 e1492782125456 VILLAGGIO CRESPI DADDA

DSC 0065 e1492782155343 VILLAGGIO CRESPI DADDA

Inoltre questo luogo mantiene dei primati importantissimi per l’epoca: è stato il primo paese in Italia ad essere dotato di illuminazione pubblica con il sistema moderno Edison; nella scuola di Crespi riservata ai figli dei dipendenti tutto era fornito dalla fabbrica: dai libri alle penne ai grembiulini, dalla refezione allo stipendio e alloggio per gli insegnanti; seppure il sito risiede nella provincia di Bergamo ha il prefisso telefonico di Milano: infatti i Crespi fecero installare una linea privata a lunga distanza che collegava il loro castello con la residenza di Milano; dulcisis in fundo fecero costruire una piscina al coperto, con docce, spogliatoi e soprattutto con acqua calda anche nei lavatoi!

DSC 0020 e1492781903452 VILLAGGIO CRESPI DADDA

Un  microcosmo autosufficiente al confine tra mondo rurale e mondo industriale che ha lasciato in eredità un prezioso modello di riferimento.

Il progetto termina alla fine degli anni Venti con la fuoriuscita dei suoi protagonisti e a causa dei mutamenti avvenuti nel XX secolo. Dopo essere stato chiuso definitivamente nel 2003, vandalizzato e depredato per un decennio, lo stabilimento è stato acquistato, nel 2013, dall’imprenditore bergamasco Antonio Percassi con l’idea di farne la sede operativa delle proprie aziende nonché un campus dell’innovazione e dell’arte aperto ad altri partners, con museo e zone espositive accessibili al pubblico, al momento però non è stata ancora avviata nessuna attività. Oggi il villaggio di Crespi ospita una comunità in gran parte discendente degli operai che vi hanno vissuto o lavorato e la fabbrica stessa è rimasta in funzione fino al 2003, sempre nel settore tessile cotoniero.

Il calendario delle aperture e le prenotazioni per le visite sono disponibili sul sito www.crespidadda.it

DSC 0077 e1492781951402 VILLAGGIO CRESPI DADDA

Foto di Marco Greco

We want more

    CERCA