LISBONA

Cosa vedere in tre giorni

“Pronto a perdersi dietro il secondo angolo della via e deciso a non domandare la strada:

è la maniera migliore di conoscere il quartiere.”

Josè Saramago

%name LISBONA

Una città vitale baciata da un sole caldo e animata dal vento che spira dall’oceano, una capitale che pulsa energia nuova e al tempo stesso ha saputo valorizzare una storia lunga 800 anni.

Poliedrica e con proposte culinarie, culturali e artistiche di grande rilievo, Lisbona ha scommesso sul turismo ed è stata eletta come “Best City or short break destination” ai World Travel Awards 2016.

Il suo clima sempre mite, le mille attrazioni e la vitalità e cortesia dei suoi abitanti la rendono la meta perfetta per un lungo weekend!

 

Cosa vedere

Convento do Carmo la chiesa gotica che testimonia i molteplici danni subiti dalla città durante il terremoto del 1755, un luogo estremamente suggestivo da visitare in una giornata di limpida quando gli archi delle navate si stagliano nel cielo azzurro.

%name LISBONA

Superando la struttura si arriva alla vista panoramica alla quale potete accedere anche con l’Elevador del Santa Justa che vi ricorderà subito una architettura ben nota, infatti è stata realizzata dall’apprendista di Gustave Eiffel!

%name LISBONA

Alfama il quartiere più antico e più caratteristico, un groviglio di viuzze, chiese imponenti incastonate tra edifici fatiscenti e ricoperti di azulejos (le geometriche piastrelle in ceramica) e scalinate che raggiungono sommità dai panorami mozzafiato sulle note struggenti dei locali che suonano il fado!

%name LISBONA

Belem distante solo 20 minuti di bus da Praça do Commercio, è una lingua di terra tra i colli e la foce del Tago punto dal quale partirono i più grandi navigatori di tutti i tempi, come ricorda il monumento a Vasco De Gama. In questa area risiede una perla “nascosta” a ridosso del magnifico Mosteiro dos Jerónimos: il Museu Berardo con una delle collezioni di arte moderna e contemporanea più ricche d’Europa.

%name LISBONA

L’edificio, razionale e moderno, ci accoglie con una scultura di Dubuffet e alcune opere di Niki de Saint Phalle (la creativa autrice del Giardino dei Tarocchi di Capalbio!). 860 capolavori che spaziando da Warhol a Magritte, da Bill Viola a Duchamp, da Nam June Paik a Picasso solo per citarne alcuni, per ripassare e approfondire l’arte degli ultimi 60 anni. Affacciatevi nel giardino esterno per godere di una fresca pausa rigenerante. E la migliore, e tanto inusuale, idea di José Manuel Rodrigues Berardo è strettamente legata al concetto di libera fruibilità infatti la sua fondazione è ad ingresso libero!

%name LISBONA

MAAT Museo di arte, architettura e tecnologia disegnato da Amanda Levete inaugurato ad ottobre 2016 (e ufficialmente aperto con esposizioni da marzo 2017) che ha la straordinaria capacità di dialogare con il paesaggio urbano e naturale grazie anche alla superficie esterna rivestita di ceramiche calçada appositamente progettate per riflettere la luce e le vibrazioni dell’acqua del fiume Tejo. Salite sul tetto e godetevi una straordinaria vista panoramica.

%name LISBONA

%name LISBONA

Parque das Naçoes Lisbona è una sorpresa continua infatti esiste un’area completamente diversa dal centro, con architetture moderne, arte e pubblica e ampi spazi all’aperto, è il quartiere dell’Expo che si estende a bordo del fiume Tago. Una zona riqualificata per la fiera internazionale del 1998 oggi importante centro commerciale e finanziario ma anche polo di attrazione turistica. Si raggiunge con la linea rossa della metropolitana (la stessa che vi porta all’aeroporto) e già alla fermata Oriente sarete colpiti dai colorati murales e disegni psichedelici realizzati da grandi firme dell’arte come Yayoi Kusama. La stazione è di per se un luogo di visita grazie all’architettura futurista di Santiago Calatrava.

%name LISBONA

Una serie di opere scultoree contemporanee e giardini d’acqua accoglieranno il vostro passaggio attraverso gli ex padiglioni dell’Expo e  le 8000 specie che abitano l’Ocenario. Per una visita dall’alto vi consigliamo la funivia dalla quale si gode la vista del Ponte Vasco de Gama lungo ben 17 chilometri e 200 metri è il ponte più lungo d’Europa.

%name LISBONA

Murales street art tips per appassionati! Trovarsi dinnanzi ai big della street art tutti riuniti sullo stesso edificio è inaspettato e molto affascinante: Ericailcane, Blu, Os Gemeos, Lucy McLauchlan e Sam3 sono parte di un interessante progetto di riqualificazione urbana a cura di Crono Project. Troverete questi immensi giganti appena uscite dalla stazione di Picoas.

%name LISBONA

Gite fuori porta

Sintra dista a poco più di 30km e vi consigliamo, specie se non avete molto tempo, di andare prestissimo al mattino per evitare le lunghissime code che affollano questa piccolissima cittadina diventata ormai meta turistica per eccellenza.

Abbiamo visitato il Palacio Nacional posizionato in pieno centro, edificio medievale coronato da due immensi camini conici bianchi dichiarato patrimonio dell’UNESCO. Di origini moresche è un’incantevole museo con soffitti dipinti a mano, pavimenti policromi e pareti decorate da piastrelle geometriche, eccezionale la sala dos Brasoes interamente decorata da azulejos blu e bianchi che raffigurano scene di caccia e stemmi delle maggiori famiglie cinquecentesche.

%name LISBONA

%name LISBONA

%name LISBONA

Palazzo Pena sormonta la collina verdeggiante di Sintra e per raggiungerlo potrete utilizzare un bus oppure un tuc tuc (per i più avventurosi ci sarebbe anche un percorso di trekking nella natura). Ne rimarrete davvero molto colpiti per la sua follia infatti nasce sulle macerie di un convento come regalo di nozze da Maria II di Braganza per il marito re Federico II del Portogallo alla fine del 1800. Nel palazzo convivono diversi stili ed eccentriche soluzioni artistiche che lo rendono sicuramente una delle attrazioni più particolari da visitare.

%name LISBONA

Cascais per una fuga al mare, a pochi chilometri da Lisbona c’è Cascais, cittadina turistica affacciata sull’Atlantico, che riserva piccole spiagge riparate dove potersi tuffare al riparo dalle onde delle più famose spiagge per surfisti. Una passeggiata in centro e una sosta sulla terrazza del Cafe Galeria House of Wonders valgono la gita.

%name LISBONA

Cosa gustare

Pasteis a Belem in generale li trovate ovunque e se non li avete mai assaggiati non riuscirete più a farne a meno di mangiarli, piccoli e gustosissimi sono il simbolo della città e questi in particolare valgono la fila che affronterete! Se siete in centro ottimi anche quelli di Manteigaria.

%name LISBONA

%name LISBONA

Pranzo tipico Sto. André il clima è talmente mite che i ristorantini all’aperto non chiudono mai! Questo indirizzo, esattamente sul tragitto del mitico tram 28, è indicato per un pranzo tipico, casalingo, semplice e gustoso a base di bacalhau servito in ogni modo e per finire un bicchierino di ginjinha (liquore alla ciliegia).

%name LISBONA

Una cena al Bairro do Avillez il nuovo ristorante del famoso chef José Avillez nel quartiere alla moda del Chiado propone un menù che rivisita in maniera contemporanea i piatti della tradizione portoghese, cucina a vista in cui si affettano qualsiasi tipo di salume e ottimi vini ma mi raccomando prenotate perchè è letteralmente preso d’assalto! In alternativa lo storico di Josè Avillez è il Cantinho do Avillez.

%name LISBONA

Il Campo de Ourique Market rappresenta un’ottimo esempio di rilancio e riqualifica infatti come per altri mercati cittadini, Mercado di San Miguel a Madrid o il Mercato Centrale di Firenze, si basa sul consumo e promozione di alimenti di qualità, prodotti di aziende locali e degustazione dei classici dello street food e qui vi assicuriamo che ne avrete di particolarità da assaggiare!

Al Parque das Naçoes vi consigliamo un pit stop in un fish bistrot come il Bica do sapato e D’Bacalhau con vista fiume potrete scegliere direttamente dal banco del pesce e accompagnato da un ottimo bianco non vorrete più alzarvi da tavola.

%name LISBONA

Dove comprare

Feira da Ladra un mercatino delle pulci che può nascondere piccoli tesori di un tempo antico, oggetti della soffitta, azulejos e arredi vintage che vorreste mettere in valigia… Dal martedì al sabato in Campo de Santa Clara.

Alfama fatevi un giro perdendovi nelle vie e troverete graziosi vintage shop di abbigliamento e arredo, negozietti locali in cui trovare saponette e confezioni di sardine e tonno saranno perfetti gift per amici e parenti.

LX Factory un’isola creativa nella strada che collega il centro città a Belem, un’ex fabbrica di tessuti riqualificata con quello stile a mattoncini che ricorda tanto la nostra amata East London. Una hub da 23mila metri quadrati in puro stile hipster abitati da studi di architettura, negozi di design, arredo vintage e abbigliamento, artisti e artigiani, bar e ristoranti. La domenica c’è anche un market.

%name LISBONA

%name LISBONA

Dove divertirsi

Topo è un rooftop dal fascino segreto in un palazzo di uffici, si accede da un ascensore ad una bellissima terrazza dalla quale si gode una meravigliosa vista della città e il sound dei dj che si alternano in consolle. Consigliato per un aperitivo o un drink serale.

Casa Independente questa è sicuramente una chicca da non perdere. Situata in una zona che si è trasformata negli ultimi anni, in Largo do Intendente, troverete un’atmosfera allegra e festaiola grazie anche alla programmazione musicale della casa che saprà come stupirvi: sarete accolti in un edificio antico di tre piani, una ex clinica, dai pavimenti a scacchi, le pareti colorate e gli arredi vintage e decò, un vero e proprio gioiello con un terrazze e cortile interno dove potrete sorseggiare ottimi drink comodamente sdraiati su un letto in ferro battuto!

%name LISBONA

Lux-Fragil club alternativo di Lisbona con guest importanti, controllate il calendario eventi e godetevi una nottata fino alle luci dell’alba sul fiume Tajo!

%name LISBONA

Grazie al supporto e ai preziosi consigli di Visit Lisboa!