TORINO TRAFFIC FESTIVAL 2012 – La musica mutante

Immagine 1 TORINO TRAFFIC FESTIVAL 2012   La musica mutante

Torna l’imperdibile appuntamento musicale che la città di Torino offre con il suo Traffic Free Festival 2012. Dal 7 al 9 giugno il main stage sarà allestito in Piazza San Carlo per un festival che vanterà partecipazioni internazionali.

33487 TORINO TRAFFIC FESTIVAL 2012   La musica mutante

Sul palco vedremo finalmente gli XX, headliner nella serata di venerdì 8 giugno, ormai celebri con la loro musica al confine tra rock ed elettronica che per l’occasione proporanno in anteprima alcuni brani del prossimo e attesissimo disco, saranno accompagnati da James Blake, l’enfant prodige della nuova scena elettronica studente d’accademia convertito al dubstep dopo una notte trascorsa in un club a contatto con quelle sonorità!

Lo stesso giorno sul palco principale della piazza troveranno spazio anche due realtà della musica nostrana, Drink To Me e i Foxhound, quattro giovani torinese rockettari.

Giovedì 7 giugno, serata inaugurale della kermesse, si esibiranno Tim Exile, con la sua musica creata da software digitali da lui stesso programmati, Iori’s Eyes e Mohko che potremo vedere al Molodiciotto, corso Moncalieri 18.

Sabato 9 giugno party conclusivo della manifestazione con Mount Kimbie e i mutanti Orbital, britannici di origine ma quasi alieni con i loro giganteschi insetti appostati dietro le loro postazioni tecnologiche. Per tutti i giorni del Festival sono previsti imperdibili aftershow party al Molodiciotto con il dj set di Chris Baio dei Vampire Weekend.

Da giovedì al Blah Blah, via Po 21, avrà inizio la rassegna cinematografica London Calling. Il punto di vista si sposta sulla capitale britannica e i suoi artisti  in maniera non convenzionale, offrendone scorci inediti come le opere di Derek Jarman e Alex Cox, radicati nell’esperienza del punk, o la rappresentazione di altre sottoculture quali il modernism con Absolute Beginners e il reggae con Babylon. Oppure evidenziandone i contesti sociali meno visibili, ad esempio in Riff Raff e This Is England. E anche quando si tratta di commedie, da Lock & Stock a Breakfast on Pluto, lo sguardo è in qualche modo obliquo se non proprio visionario.

Ma il Traffic è anche arte al Circolo dei Lettori in mostra Leigh Bowery nelle fotografie di Fergus Greer e Johnny Rosza (al quale abbiamo dedicato un post per la precedente mostra a Milano). Dopo l’inaugurazione della mostra giovedì 7 ci sarà lo speach del critico Jon Savage, conosciuto per il suo libro sui Sex Pistols intitolato England’s Dreaming, uscito in Inghilterra nel 1991.

33491 TORINO TRAFFIC FESTIVAL 2012   La musica mutante


CERCA