BRIONVEGA – La Radio.cubo che non c’era

Non è più il “Cubo” di una volta. Il radioricevitore portatile a transistor della Brionvega, disegnata negli anni ’60 da Sapper e Zanuso, così come lo ricordate, potete vederlo solo nei musei. L’azienda ha rispolverato l’oggetto cult del design italiano. La TS522 torna con il nuovo nome Radio.cubo, 8 colori sgargianti e con un cuore moderno. Alla Radio FM, si aggiungono DAB/DAB+, Bluetooth, Display LCD, Sveglia e telecomando.

181 copy BRIONVEGA   La Radio.cubo che non cera

Se avete notato a dicembre un certo trambusto su twitter legato agli hashtag #loudpersonality #radiocubo, era perché diversi blogger stavano disperatamente cercando l’altra metà della Radio.cubo che gli mancava. Il gioco si è concluso con l’evento che l’azienda milanese ha organizzato in Tortona, invitando 5 artisti, Johnny Hermann, Pietro Baroni, Fabio Giampietro, Gaia Roma e Maddalena Carrai a reinterpretare  il celebre cubo secondo il proprio stile.

Johnny Hermann

167 copy BRIONVEGA   La Radio.cubo che non cera

Pietro Baroni

177 copy BRIONVEGA   La Radio.cubo che non cera

Fabio Giampietro

153 copy BRIONVEGA   La Radio.cubo che non cera

Gaia Roma

173 copy BRIONVEGA   La Radio.cubo che non cera

Maddalena Carrai

034 copy BRIONVEGA   La Radio.cubo che non cera

Abbiamo aspettato di averla tutta intera per testarla. Bella come il sole, ora non è più così portatile. Sono io quella che vaga per casa con lo smartphone in mano, connesso via bluetooth. Cambio i pezzi da qui e metto a palla. Anzi a cubo.

 

 

We want more

    CERCA