MARTA BIASI

Queen of the Sidewalk

Avete presente quando scorrendo distrattamente Instagram vi balza all’occhio qualcosa che attira la vostra attenzione? Così è stato per me trovandomi sull’account di Marta Biasi: poco tempo dopo ero con lei davanti ad un tè fumante a farmi raccontare la sua storia.

%name MARTA BIASI

Ciao Marta, presentati:

itsMartabiasi è il nome che mi sono data sui social, dove mi autoproclamo “Queen of the Sidewalk” – Regina del Marciapiede, perché la strada è il mio museo preferito, e proprio questa è il supporto che uso per scrivere con i gessetti colorati.

%name MARTA BIASI

Marta ha 29 anni e una forte passione per quello che, quasi per gioco, è diventato il suo mestiere.

Quasi per scherzo infatti 3 anni fa inizia a colorare il marciapiede del negozio di abbigliamento in cui lavorava, Wait and See di Milano (ora solo occasionalmente passo per fare le scritte, alcuni si stupiscono di non trovarmi più lì a tempo pieno!) dimostrando subito un enorme talento, in particolare nell’hand-lettering, che la porta molto presto ad avere collaborazioni con altri negozi, ristoranti, brand di abbigliamento e privati che si avvalgono della sua energica creatività (Barbé Beauty Boutique Milano, Maido, Humana vintage, Sisley, Offi Milano… per citarne alcuni).

%name MARTA BIASI

%name MARTA BIASISchermata 2017 01 30 alle 15.49.22 MARTA BIASI

Per un po’ quindi vola in Canada per fare un’esperienza internazionale, ma torna più convinta di prima che l’illustrazione sia la sua strada e si rimette all’opera sperimentando con nuovi supporti e nuovi materiali:

Quando non sono in giro per scrivere con i gessetti, lavoro utilizzando svariati materiali e supporti, dalle vernici ai ritagli di carta, passando per gli acquerelli e la cartapesta: ma è l’hand-lettering ad essere sempre il fil rouge di ogni mia produzione. 

%name MARTA BIASI

Marta è come le sue scritte con i gessetti, sprizza vitalità e gioia. Desidera un mondo in cui esista solo il pensiero positivo e in cui ci sia più alleanza tra le donne.

Due elementi chiave del tuo lavoro?

Il primo sicuramente l’ ironia, e poi l’ imperfezione, necessaria affinché una illustrazione manuale sia di impatto: altrimenti esistono i computer!

Prestate attenzione in giro per Milano allora perché potreste incappare in una sua opera…

Troverete in giro per la città le mie scritte, ma solo quando smette di piovere, e durano poco, come l’arcobaleno, non a caso il mio simbolo.

Seguite le avventure di Marta su instagram!

%name MARTA BIASI