GELSOMINA

Pasticceria contemporanea e tradizioni del sud Italia

La mia passione per le caffetterie mi ha condotto oggi da Gelsomina in via Carlo Tenca, zona Porta Venezia, una pasticceria elegante e curiosa colma di bontà e di coccole culinarie!

Incontriamo Giuseppe Gallello, con cui condivido il mio amore per il mondo del caffè e non solo. 

%name GELSOMINA

Qual e’ il progetto che porta alla nascita della Pasticceria Gelsomina? 

Gelsomina nasce nel 2018 da un’idea di Ilaria Puddu e Stefano Saturnino, tra i soci fondatori, e dalla loro volontà di creare qualcosa di unico nel mondo della pasticceria milanese. 

Una pasticceria contemporanea, all’interno di una location suggestiva, che come un giardino sognante, ricorda le vecchie masserie del sud. 

Una linea di dolci che si ispirano ai sapori della tradizione del sud Italia rivisitate in chiave moderna con l’utilizzo di materie prime di qualità e stagionali.

Gelsomina non è solo pasticceria, ma è un piccolo mondo dove poter gustare anche tante proposte salate e deliziosi pranzi, dalla colazione fino all’aperitivo. 

Quali sono i piatti di cui siete più orgogliosi? 

Sicuramente il maritozzo, diventato simbolo cult di Gelsomina. Un dolce su cui non avremmo mai scommesso, ma che ha fatto perdere la testa a tanti milanesi nella versione classica, con crema al pistacchio, crema pasticcera Gelsomina e stagionale, come quello presente ora ai gelsi neri.

%name GELSOMINA

Altro piatto diventato icona sono le busiate al pesto siciliano, una pasta tipica siciliana che acquistiamo direttamente da un laboratorio artigianale di Trapani.

Qual e’ stata la risposta del pubblico alle vostre proposte culinarie? 

La nostra clientela ha apprezzato con da subito le nostre proposte, è molto legata ai nostri prodotti iconici ai quali non può rinunciare ed è sempre in attesa di provare tutte le novità di stagione. 

%name GELSOMINA

Giuseppe, oltre che socio proprietario di Gelsomina, è anche un appassionato di caffè. Una cultura, quella del caffè, mancante in Italia, nonostante negli ultimi anni stiano nascendo diversi Speciality Coffee. Qual è la miscela che personalmente apprezzi più delle altre per un buon espresso?

Far parte di una realtà come Gelsomina, che in poco tempo è diventata di riferimento nella città di Milano nel settore, ti permette di poter osare e provare a far conoscere prodotti a cui spesso si dà poca importanza. 

Questo è il caso del caffè, che spesso in Italia rimane la coccola per una piccola pausa a cui spesso non si dà la giusta importanza.

Sono dell’idea che spesso, nelle scelte imprenditoriali, sia necessario andare verso quello che il mercato richiede come in questo caso. In Italia c’è una gran cultura per questo prodotto che è sulla bocca di tutti, ma è una cultura che si è fermata, purtroppo, a quella classica tazzina piena di crema dal sapore amaro e bruciacchiato. 

%name GELSOMINA

La nostra non è ovviamente una scelta rivoluzionaria da questo punto di vista, ma è una scelta che punta a migliorare l’esperienza dell’espresso lavorando con un prodotto di qualità all’origine con una piccola quantità di robusta, per non stravolgere del tutto le abitudini del cliente tipo, ma che dà al caffè un’armonia e una morbidezza che, pur bevendo L’espresso senza dargli la giusta importanza, ti lascia un ricordo piacevole di quel momento una volta assaporato e lasciata la nostra pasticceria. 

È molto importante la formazione del personale nel lavorare un prodotto molto delicato come questo. Ci vuole la giusta attrezzatura e la giusta attenzione nel servire, in ogni singolo espresso, la giusta quantità di esperienza gustativa del prodotto stesso. 

Non ho una miscela che preferisco in particolare, ma sono amante di un prodotto di qualità rispettato e trattato come tale!

%name GELSOMINA