CASA GIO PONTI

Pratico modo di abitare circondati dall'arte

Questa rubrica nasce da una comune sensibilità verso i luoghi dell’abitare, il fascino delle dimore altrui, la casa come guscio pieno o vuoto che rispecchia l’identità di ognuno.

L’ultima residenza di Giò Ponti in via Dezza 49 risale al 1956 e contiene tutte le sue invenzioni in fatto di pianta, pareti, mobili, oggetti, che sono apparse negli anni Cinquanta, e che continuano oggi ad essere amate e collezionate. Un appartamento che riflette la felicità progettuale dell’architetto e che si oppone alla concezione dell’esistenz-minimum: abitare alla Ponti significa godere di uno spazio colorato e pratico dove ogni elemento (mobili auto-illuminanti, pannelli organizzati, pavimento e soffitto rigati in diagonale, sedie e ai letti uguali in tutta la casa, pittura da tavolo) contribuisce ad arricchire la vita domestica, concepita non come momento di rifugio, ma espressione di incontro e dialogo. La trama di ciascuna apertura, che diventa una finestra arredata, sancisce il limite tra l’ambiente privato e il paesaggio “perché da dentro l’esterno si vede sempre attraverso i primi piani dei mobili. E in questo consiste il suo incanto”.

Una casa dimostrativa in cui tutto felicemente veniva da una stessa mente e da una stessa mano. Concepita inizialmente per una famiglia divenne, quando Ponti vi abitò ormai solo, uno spazio libero in cui aggirarsi, fra cataste di disegni e dipinti. Pensava anche di fare una decorazione mobile per tutta la facciata della casa ove agli abitanti era dato, nei limiti del proprio piano, scegliere il proprio colore di facciata, e anche la propria composizione di finestre. Quasi un’architettura spontanea diceva Ponti.

In fondo al cortile della casa dietro a un lussureggiante giardino abbiamo visitato il “capanno”, inizialmente progettato da Ponti come garage per la Rinascente e successivamente trasformato nel suo studio. Oggi lo spazio è abitato dalla casa di produzione Winter Video che fra sale di regia, montaggio, monitor e un mondo di cartoon e supereroi mantiene vivo il fervore creativo.

Ph. Federico Torra

Testi di Modalità Demodè

DSC 8615 e1472132320186 CASA GIO PONTI

DSC 8606 e1472132474732 CASA GIO PONTI

DSC 8533 e1472132272163 CASA GIO PONTI

DSC 8537 e1472132394543 CASA GIO PONTI

DSC 8547 e1472132436735 CASA GIO PONTI

DSC 8534 e1472132628654 CASA GIO PONTI

A spasso per le architetture di zona San Vittore e Sant’Ambrogio a Milano

CERCA